Prière de toucher 4 - Roccaverano (AT)

 

LA MOSTRA

 

Prière de Toucher è un “dispositivo” costruito attraverso gli scambi di idee con Giulia Brivio e grazie al lavoro di tutti gli artisti che fino ad ora vi hanno partecipato, consentendogli di “prendere corpo”.

Sì, perché Prière de Toucher ha a che fare con il corpo e, saccheggiando il titolo del noto lavoro di Marcel Duchamp, rimanda inevitabilmente al mostrare. In breve Prière de Toucher si interroga sui confini del corpo e sulla natura dell’esibizione, e, forse, è una modalità del mostrare nonostante si preoccupi solo di nascondere

 

"Prière de toucher" è un ciclo di mostre, ognuna con una propria caratteristica strettamente dipendente dal luogo che la ospita. La prima è stata fatta ad Imola a Novella Guerra nell’ottobre 2013 insieme a Patrizia Giambi e a Microcollection; la seconda a Something Like This a Firenze il maggio scorso insieme a Oppy De Bernardo e Aldo Mozzini; la terza a MARS, con la partecipazione di 45 artisti. Quella descritta nel video è la quarta mostra.

Recentemente, il n°12 della rivista Boite dedicato all’”opera nascosta” presenta l’intera operazione.

 

“Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto”, annotava Italo Calvino; dietro a tutto aleggia una domanda: si può toccare ciò che non si vede? E, nascondere è forse l’essenza del mostrare?

In tempi in cui non c’è realtà fuori dall’“exhibire”, l’interrogativo assume un senso particolare.

 

CREDITI

Regia: Lorenzo Baldi, Liliana Carugati

Fotografia: Lorenzo Baldi, Liliana Carugati

Camera: Lorenzo Baldi

Montaggio: Lorenzo Baldi

Musiche: Sonoton

 

TECNICA

Standard di produzione: ripresa HD e 4k 25p, montaggio HD 1080p

Camera: Sony NEX-FS100 (opere),
Panasonic GH4 (interviste)

Ottiche: Sigma 16-35 mm f1,8, Tokina 11-16 mm f2,8, Nikkor 50 mm f1,8, Metabones Speedbooster

Supporti: Vinten

Codec: AVCHD 28 Mbs, mov H264 100 Mbps

Postproduzione: montaggio, correzione colore, chromakey Final Cut Pro X